Genova Film Festival

ROBERTO VERACE

ROBERTO VERACE

fototesseraRoberto Verace è autore, regista e pedagogista, e dal 1985 è titolare di cattedra all’Accademica Ligustica di Belle Arti per il corso Teoria e metodo dei mass media e, a seguito della riforma, col passaggio al nuovo secolo per i corsi afferenti al settore disciplinare Linguaggi e tecniche dell’audiovisivo. Fino al 2001 è stato direttore del Laboratorio video e nuove tecnologie del Museo dell’Accademia Ligustica, e fino al 2017 è stato componente del CdA di Ecume Marseille (Échanges Culturels en Méditerranée), centro franco-europeo di interscambi mediterranei attivo dal 1983, in seno al quale ha organizzato il settore audiovisivo. Ha collaborato ad importanti esposizioni artistiche nazionali e internazionali (Milano, Roma, Barcellona, Humlebaek) per le quali ha realizzato video monografie che hanno riscosso l’interesse della critica, del pubblico e dei media; ha partecipato a convegni nazionali e internazionali (Algeri, Camerino, Marsiglia, Montbéliard, Sorrento, Tétouan), e ad alcune rassegne e festival (Torino, Montbéliard), ottenendo due primi premi (nel 1991 e nel 1995) al Festival Videoland di Cesena. In veste di docente o di regista ha tenuto lezioni nelle Écoles des Beaux-Arts di Tolone, di Lille, di Algeri, alla Mimar Sinan University di Istanbul, alla University of Fine Arts di Beirut e alla University of Fine Arts di Damasco. Ha coordinato il settore video cinematografico nel viaggio di studio che le Écoles des Beaux-Arts di Arles, Lille, Tourcoing e Toulon hanno effettuato in Cina nel 2000; ha coorganizzato il progetto europeo Connect DG XXII, coordinandone il settore italiano; ha organizzato e coordinato numerosi progetti di interscambio internazionale a livello europeo (Francia, Italia, Principato di Monaco, Spagna), e ha partecipato ad esposizioni collettive nazionali ed internazionali (Amman, Siviglia, Tolone, Tunisi). Nel 2010 è stato invitato, in veste di membro di giuria, nella sezione lungometraggi, al Festival Internazionale del Film di Aubagne (Francia).

Dalla sua videografia, ad oggi composta da cinquantun titoli, possiamo ricordare: Edvard Munch (1985) (Primo Premio al festival Videoland di Cesena del 1995), Ritratto (1987) videoinstallazione quadrifonica, C’è chi dà i numeri e chi fa gli alfabeti (1990), Toulon, Novembre 1990  (Primo Premio ex-aequo al festival Videoland di Cesena del 1991), Complesse terre(1993) video performance, L’État des Mutations (2001), Estaque. Artistes  dans la ville (2006), La gabbia di Faraday(2009), Alessandro Di Chiara e Don Gallo: dialogo (2012), Identità mediterranee: Jale Erzen (2014), Viaggi per un’archeologia delle forme (2018).

 

PASSWORD RESET

LOG IN